Home / 0
18
marzo
venerdì

VITE MANDI’ STA CANNE :: CANNE MANDI’ STA VITE .. di Giancarlo Verdecchia

Inizio alle ore 21:00

Caricamento Eventi

VITE MANDI«STA CANNE.... CANNE MANDISTA VITE... Commedia brillante in due atti di Giancarlo Verdecchia 

TRAM

La storia è ambientata negli anni 80, in una casa di una famiglia abruzzese molto sui generis, nella quale, la prima cosa che è stata bandita è la parola lavoro, ma più che la parola lavoro soprattutto la voglia stessa di lavorare. Il capo famiglia è Arturo, uomo di una certa età, con una grossa peculiarita, che è quella, che durante tutta la sua vita, non ha mai lavorato, neanche un giorno cercando sempre di tirare avanti arrangiandosi alle spalle di altre persone. Con lui vive la moglie Teresa, donna semplice e di poche pretese, che ha trascorso tutta la sua vita facendo la casalinga e cercando di tirare su, nel migliore modo possibile, il figlio Gigino, ragazzo non facile da gestire in quanto affetto da un piccolo ritardo mentale che non gli ha permesso, nel corso degli anni, neanche di percepire una piccola pensione dinvalidità in quanto, tutte le volte che è stato sottoposto a visita medico collegiale, la commissione lo ha sempre valutato come persona non affetta da patologia. Nella stessa casa vivono anche Bettina, sorella di Terersa e Consuelo, sorella di Artuto, entrambe donne oramai di una certa età ed entrambe non sposate a causa soprattutto della loro fisicità non molto esaltante, (ad essere sinceri molto brutte) tanto che non sono riuscite mai a trovare un marito. Bettina e Consuelo sono entrambe disoccupate, ma mentre la prima cerca in tutti i modi di trovare un lavoro, la seconda, come il fratello, di lavorare non ne vuole sapere niente, arrangiandosi quotidianamente facendo la cresta sui soldi della spesa e con laggravante di avere anche il vizio del gioco delle macchinette, sperperando quei pochi soldi che riesce a racimolare oppure quelli che si fa prestare dai vicini di casa. Vittima preferita per i prestiti è Concetta, sua vicina di casa, alla quale deve restituire tanti soldi. Lunico sostentamento di questa famiglia è Sofia, madre di Teresa, donna benestante in quanto il marito, oramai defunto, avendo lavorato in Belgio per tantissimi anni, le ha lasciato una bella pensione. Sofia è una donna cattiva e dispettosa che fa pesare su tutta la famiglia il fatto che lei sia lunico sostegno per sopravvivere e per questo non è molto amata in famiglia. Però, ad un certo punto, accade qualcosa di insolito,...... Bettina, oramai rassegnata a restare zitella, incontra un certo Billy.... Billy detto il Coyote, ultrasessantenne, da una vita in cerca di lavoro ed anche lui senza riuscirlo a trovare. Anche Billy, dopo essersi fidanzato con Bettina, si accasa e decide di venire a vivere in famiglia

A questo punto abbiamo capito che tutto ruota attorno a Sofia, e grazie a lei tutti riescono a sbarcare il lunario .... ma se dovesse accadere limprevedibile ?.... e se Sofia dovesse venire meno?.... come farebbero tutti i membri della famiglia ad andare avanti?.... Sarebbe un grosso problema, non sarebbe facile rinunciare e non avere più la disponibilità della pensione di Sofia...... Però, pensandoci bene, perchè ci dovrebbero rinunciare ?.....Un modo ci sarà per nascondere la 

scomparsa di Sofia...... Mica per forza bisogna far sapere che Sofia è morta ?..... Saranno capaci di mantenere il segreto ?...... A tutto cè un limite..... vedremo.... 

 

Dettagli
Data: 18/03/2022
Ora: 21:00 - 23:00
Categoria EventoTeatro Dialettale
Luogo
Luogo Teatro Marrucino
Indirizzo Chieti, Italia
+ Google Maps